Secondo importante risultato

Il consiglio di Giovedì 19/01/2006 ha approvato all’unanimità, dopo una infuocata discussione, un ordine del giorno in cui si invita il sindaco ad adoperarsi, in sintonia con il comitato, per ottenere la cancellazione dell’attuale tracciato della ferrovia Passo Corese – Osteria Nuova.

Invia una tuo resoconto corredato di tue valutazioni sul consiglio del 19/01/06.

Scarica la delibera (PDF, 44 KB)

Un commento su “Secondo importante risultato”

  1. Consiglio Comunale straordinario di Fara in Sabina 19.01.06 ore 15.30

    Finalmente è stata messa da parte la politica, e per il bene dei cittadini e del Comune nella sua vasta identità di territorio, persone e cose, il Consiglio ha approvato un ordine del giorno inerente alla ferrovia in un nuovo tracciato e con pieno appoggio al nostro Comitato. Questo risultato molto importante rafforza ancora di più il Comitato per poter andare sempre avanti fino al raggiungimento dell’obiettivo finale.– Nuovo tracciato Italferr, non devastante, rispettoso per un percorso dignitoso degli abitanti e del nostro Comune. La grande partecipazione dei cittadini, che prego mantengano operativa questa loro presenza, la più determinante, l’intervento ottimale ed esplicativo del nostro Zevini su cinque punti nel documento presentato al Consiglio , l’esposizione dell’Assessore Magi profonda ed oculata–gl’interventi degl’Assessori Quinzi e Cingolo con le loro giuste osservazioni -l’autocritica e no alla polemica politica del vice Mazzeo- , l’aggiustamento del tiro da parte del Sindaco Leggio, con la conferma di aver interessato anche l’Assessore Regionale Ciani, ha portato senza traumi in un Consiglio civile a questo grosso ed importate risultato. E’ stato molto bello poter constatare che quando ci sono dei problemi, e che problemi, che riguardano in primis la popolazione, poi il territorio, l’ambiente ecc ecc non ci sono colori politici che tengano. Questo atteggiamento responsabile, questa fiducia nelle istituzioni che si stava perdendo ci sprona ancora di più per il nostro cammino. Alla base di tutto non dobbiamo dimenticare il disagio UMANO la violenza e la prepotenza fatta su di noi con il tracciato presentato. Torno a ripetere: se qualcuno ha piacere che passi la ferrovia vicina alle loro case o a quelle dei loro cari si faccia avanti ci vuole poco, come ha dimostrato la Italferr, a proporre un tracciato ad HOC. Gli eventi stressanti che stiamo vivendo siano di monito ed insegnamento per stare sempre all’erta e non lasciare nulla al caso… oggi è la ferrovia… e domani…

I commenti sono chiusi